Classic Book Tag - Libri Sempreverdi


I Classici? Morti e sepolti, dicono un po' da tutte le parti.

Non so voi, ma io non mi trovo molto d'accordo: che se ne parli bene o male, dei grandi titoli della Letteratura si discute ancora oggi, nell'era della produzione non-stop e del self-publishing.

Ad esempio, da qualche giorno gira in Rete un book tag a tema (io ad esempio l'ho avvistato su Il salotto del gatto libraio): che dite, ci proviamo?

Ecco le domande, e le risposte de I Ritrovati:


1 - Un classico di cui tutti hanno parlato, ma che a te non è piaciuto


A scuola, non si capisce il perché, continuano a propinarlo come lettura obbligatoria, ma l'impressione è che I Promessi Sposi di Manzoni sia ormai più una reliquia che altro: va bene, abbiamo don Abbondio, Gertrude, la madre di Cecilia e don Rodrigo con i monatti, ma per il resto?

Un linguaggio pesante, decine di digressioni interessantissime per storici e curiosi, e una morale ormai antiquata... forse sarebbe il caso di limitarci a quei due o tre brani più belli e giustamente celebri e basta, senza perderci su tutto il secondo anno di Superiori.
   

2 - Il periodo storico in cui ti piacerebbe vivere


A essere sinceri, rinunciare ai salvavita e alle comodità di oggi sarebbe parecchio dura, LOL; ma se proprio si deve scegliere, diciamo la Parigi della Belle Epoque, quella dei salotti letterari, degli artisti innovatori e delle allegre serate su a Montmatre, come quelle ritratte da Toulouse-Lautrec per intenderci.    


3 - Un classico che ti vergogni di non aver ancora letto


Per carità, di vergogna neanche un po', perché in fondo non si può leggere tutto... ma ammetto di essere stupito dal fatto che nessuno, qui in "redazione", abbia letto granché di Dickens, ad esempio: ok, Il Canto di Natale sì, ma tutto il resto (Grandi Speranze, David Copperfield, eccetera)?

Non pervenuti o quasi.


4 - Cinque classici che vorresti leggere in un prossimo futuro


Cinque classici da recuperare? Così, di getto:
  • Grandi Speranze di Dickens (tanto per restare in tema)
  • Le confessioni di un italiano di Ippolito Nievo (adocchiato sull'antologia di scuola)
  • La Certosa di Parma di Stendhal (Il rosso e il nero non è male, per cui...)
  • Le affinità elettive di Goethe (probabilmente un mattone, ma chissà)
  • Guerra e Pace di Tolstoj (così se sopravviviamo a Goethe, ci pensa questo!)


5 - Un romanzo d'amore classico


"Romanzo d'amore classico" forse no, visti i personaggi e i loro bel carattere... ma di sicuro è un "classico" e parla d'amore, più o meno: quindi direi che Cime Tempestose di Emily Brontë possiamo menzionarlo, voi cosa ne dite?


6 - Un'edizione di classici che vorresti collezionare


Di solito non mi concentro granché sulle singole edizioni: ma se ci sono delle incisioni del Doré (o meglio ancora di Jiří Trnka) potrei farci un pensiero!


7 - La tua fiaba preferita


La prima in assoluto, La Regina delle nevi di Christian Andersen, anche se devo dire che qui a I Ritrovati quasi tutte le storie dell'autore danese piacciono davvero molto (se poi ci sono incisioni come questa di Trnka, appunto...).

Una menzione onorevole però va ad Alice nel Paese delle Meraviglie, di Lewis Carroll, non fosse altro per l'adattamento Disney del 1951, demenziale in una maniera geniale :)


Ed eccovi serviti :) Voi invece che rapporto avete con i grandi Classici? Se vi va, lasciate un commento: a presto!
     

Commenti

  1. Oh siiii, un nuovo tag da fare! Li adoro, ma ne ho fatti così tanti n questi cinque anni che non ne trovo mai uno nuovo... Che dire, mi hai accontentata tu! ahahhahahhahahah

    Molto particolare la scelta della fiaba, adoro che tu non sia andato sul classico. Non che sia sconosciuta, ma sicuramente non la preferita di molti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, di solito con Andersen si va dritti sulla Sirenetta, anche per via della Disney...!

      Elimina
  2. Dickens l'ho letto durante una vacanza londinese, immergendomi in quelle atmosfere XD
    I classici? Li rispetto ma non sono tipo che ne va pazzo.
    Ad esempio I promessi sposi, fatto a scuola... è fatto male. Condenserei del tutto, a questo punto, analizzandolo bene, ma assieme ad altre 2-3 opere monumentali.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo al 100%, tanto più che comunque alla fine quasi nessuna classe riesce mai a leggerlo tutto, quindi...

      Elimina
  3. Io non ho sopportato bene il dover studiare I promessi sposi a scuola. L'antipatia mi è rimasta e non ho mai provato a leggerlo per piacere xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che ormai lo tengano lì solo perché al MIUR non sanno con cosa sostituirlo nel programma del secondo anno!

      Elimina

Posta un commento