5 Cose Che… #5 - 5 Libri che ho comprato con entusiasmo e che che non ho ancora letto


E va bene, lo ammetto.

Anche senza essere un fanatico delle TBR, dei gruppi di lettura o delle challenge, anche a me capita di ritrovarmi con degli "arretrati" di lettura.

Libri che ho voluto sull'onda del momento... e che poi sono rimasti lì.

Qualche esempio? 

Eccone cinque!


1 - I fratelli Karamazov, di Fëdor Dostoevskij

Un classico che ho sempre voluto aggiungere al mio elenco di letture made in Russia... ma che al momento vegeta in un cassetto.

Che devo farci? Niente... al momento sto recuperando il buon Dostoevskij con altre letture, e nel frattempo quest'epopea familiare resta a disposizione di familiari e amici russofili.


2 - Una pagina d'amore, di Émile Zola

Come sapete, il ciclo dei Rougon-Macquart mi ha sempre affascinato: ma questo romanzo proprio non riesco a iniziarlo.

Sarà l'arrivo di altre letture più appassionanti, sarà la trama a prima vista "insipida" (anche se già in un caso mi sono dovuto ricredere)... chissà.


3 - L'arte della gioia, di Goliarda Sapienza

La trama sembra intrigante, dell'autrice ho sentito parlare molto e bene; eppure il libro resta lì.

In attesa di tempi più "gioiosi", suppongo.


4 - Dieci piccoli indiani, di Agatha Christie

Questo capolavoro del giallo non è ancora riuscito a farsi leggere, poverino: è nel comodino da anni, ormai.

Riuscirà a scappare dalla sua isola? Vedremo


5 - Armi di distruzione matematica, di Cathy O'Neil

Non solo narrativa, nel mio cassetto: fra le letture in stand by, c'è anche questo saggio scritto dalla matematica, blogger e attivista statunitense Cathy O'Neil, che in quest'opera unisce la propria competenza scientifica alla critica politica di una possibile deriva tecnocratica già in corso.

Una lettura di grande spessore, ma anche inquietante; e forse è per questo che non mi sono ancora deciso ad affrontarla.


Insomma, forse alla fin fine il metodo più sicuro per evitare acquisti "morti" è quello di rivolgersi alla biblioteca più vicina, quando si può: se alla fine del mese di prestito, un libro non è stato nemmeno aperto, significa che forse non era per noi; e possiamo restituirlo senza troppi rimpianti.


E voi, quali letture continuate a procrastinare, e perché? Alla prossima!

Commenti

  1. Ciao! I classici sono comunque una scelta impegnativa, ti capisco se procrastini un po'! Comunque... per quello di Agatha Christie, aspetta una bella serata horror con tuoni e lampi!

    RispondiElimina
  2. Inizia I fratelli Karamazov e ti conquisterà.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento sto terminando "L'idiota", ma prima o poi arriverò anche da loro :)

      Elimina
  3. Dieci Piccoli Indiani a me era piaciuto tantissimo! Spero che tu riesca a leggerlo presto :) E idem per I Fratelli Karamazov. Non è il mio preferito di Dostoevskij, ma mi era piaciuto!
    Io di libri che attendono il loro momento ne ho a caterve, perchè ogni tanto mi faccio prendere la raptus degli acquisti compulsivi, come ad esempio i libri di Terry Pratchett, autore che adoro e che centellino. Ma ogni volta che mi concedo uno dei suoi libri finisco immancabilmente per aggiungerne uno nuovo alla mia libreria. E poi si rimane lí ad aspettare pazientemente il suo turno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno ci facciamo una provvista di letture future... :D

      Elimina
  4. Ho letto quello di Christie e leggerei quello di Zola.
    Per me molti arretrati sono film, comprati e ancora non visti: i libri tendina leggerli immediatamente 👍😋

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Non sai quanti libri abbia ancora in sospeso. Uno di questi è certamente "I Demoni" di Dostoevskij che avevo comprato con tanto ardore ma che da almeno 12 anni prende polvere in libreria. Altri non saprei, sicuramente i russi sono le mie bestie nere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va detto che per affrontarli serve davvero del tempo... :D

      Elimina

Posta un commento