WWW...Wednesday #2

Ciclo dei Rougon-Macquart di Zola

Nuovo mercoledì, nuovo WWW... Wednesday!

La settimana scorsa abbiamo parlato di Storia e di romanzi storici: e questa volta, in un certo senso, restiamo in quell'ambito... con tre titoli presi dal celebre ciclo dei Rougon-Macquart (1871-1893) di Émile Zola; il quale, attraverso le grottesche se non tragiche vicende di un vasto clan familiare, ricostruisce un importante periodo della Storia francese, vale a dire l'eccessivo, autoritario e corrotto Secondo Impero di Napoleone III (1852-1870).

Sparsi per i vari angoli della Francia e della piramide sociale, i membri della famiglia, segnati fin dalla nascita dall'ineluttabile destino scritto nelle loro tare ereditarie, tenteranno una lotta impari contro la stessa macchina sociale di cui sono parte, finendone nella maggior parte dei casi stritolati.

Storie non allegrissime, in effetti, anche se qua e là un certo humour nero fa capolino fra le pagine.


W1: Cosa sto leggendo...


La Bestia Umana, romanzo di Zola

La Bestia Umana (1890)

Pur non essendo fra i romanzi più noti di Zola (l'ho reperito, a fatica, in biblioteca), La Bestia Umana mi sembra, almeno per adesso, un antenato di tutto rispetto per gli psycho-thriller di oggi.

Un delitto passionale, frutto di una banale distrazione; un giovane protagonista segnato da un male oscuro; e, sopra a tutti e davanti a tutti, l'orrore della Macchina, presenza sempre più minacciosa e nemica del buon vecchio mondo antico.

Per ora lo considero un solido 8/10, ma vediamo come finisce...



W2: Cosa ho finito di leggere...

Germinale, romanzo di Zola

Germinale (1885)

Fin dalle prime pagine, è difficile non restare avvinti dallo squallore quotidiano in cui vivono i minatori ritratti da Zola in questo romanzo: la loro fatica remunerata da condizioni di vita considerate "all'avanguardia" dai loro sfruttatori, la precarietà esistenziale e sentimentale, l'assenza di prospettive.

E infine, complici anche le aspirazioni di un giovane ribelle, la rabbia, l'orgoglio e un eroismo in qualche modo catartico, anche se tragico.

Un libro scritto più di centotrent'anni fa, ma che sembra volerci parlare ancora oggi.

Se tenete al lieto fine, leggete a vostro rischio e pericolo: il mio voto è un 9/10.



W3: Cosa ho intenzione di leggere...


La gioia di vivere, romanzo di Zola


La Gioia di Vivere (1884).

Dopo la tragedia di Germinale e il cardiopalma di La Bestia Umana, questo romanzo, poco noto, di Zola sembra un buon defaticamento: non ne so molto, potrebbe piacermi come annoiarmi... vedremo.


E voi, invece, cosa state leggendo, cosa avete letto, e cosa leggerete?

Se ne state parlando sui vostri blog, fatemelo sapere, passo volentieri a farvi visita; altrimenti, lasciate pure un commento qui sotto - a presto!

Commenti

  1. Daiiii sei al tuo secondo WWW ;)
    Da te trovo sempre delle chicche di libri, complimenti! Mi faccio una cultura ogni volta.

    Se ti va passa da me, qui il mio W..W..W.. :)

    RispondiElimina
  2. Ecco se tu non conosci le mie letture... io misà che mi devo sotterrare ahahah :-)
    Interessanti però

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, dài - alla fine il bello di visitarci a vicenda è proprio quello di scambiarsi idee e consigli :)

      Elimina
  3. Di Zola non sono ancora riuscita a leggere nulla, ma spero di riuscire a rimediare, prima o poi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Bestia Umana merita, secondo me - non è diverso da certi thriller moderni :)

      Elimina
  4. Mi ha incuriosito la menzione che ha fatto Opportunity Seekers 2.0 su questo blog e sono venuta a vedere, attirata dal profumo di storia e romanzi del passato. E caspita... ma qui c'è un mondo da scoprire!! Ma leggi tutto in lingua?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, magari! Qui in "redazione" purtroppo il Francese non è super-conosciuto... però le affiches mi sembrano belle da mettere :)

      Grazie per la visita, a presto!

      Elimina
  5. Risposte
    1. Le sue teorie sono superate, ma certe dinamiche sono sempre le stesse :)

      Elimina
  6. Grande scrittore naturalista francese dipinge con obiettivita' la societa' del suo tempo e i personaggi, mossi dagli istinti e da situazioni incontrollabili, raccontano storie tragiche.

    RispondiElimina

Posta un commento