Cyberbullo a chi?

Cyberbullismo, cronaca di una polemica fra blogger

Amici lettori, da qualche giorno sento il bisogno di mettere in chiaro alcune questioni non molto piacevoli nelle quali questo blog, I Ritrovati, e il suo team si sono ritrovati trovato loro malgardo coinvolti.

Qui vogliamo tutti parlare di libri e di argomenti affini, senza fare polemiche: ma visto il punto a cui siamo arrivati, penso sia doveroso raccontarvi quello sta succedendo, almeno al meglio delle mie possibilità.

Ma procediamo con ordine.

La settimana scorsa, un mio post dal titolo "Questo blog non fa marchette! - però..." ha suscitato reazioni diciamo "molto vivaci" (per non parlare dei fuori onda che, ahimè, ho scoperto più tardi), che si sono protratte anche su un post successivo: cosa che peraltro avevo previsto, data la sensibilità del tema.

Quello che però mi ha stupito è stato il riferimento, da parte di alcuni blogger/lettori intervenuti, a una diatriba scoppiata durante l'estate: cosa della quale ero totalmente all'oscuro, anche perché impegnato nel processo di rilevazione della guida del blog.

Ad ogni modo, non ci ho pensato più per qualche giorno, finché Olivia Hessen, autrice che I Ritrovati segue da tempo, nonché una fra i commentatori del post "incriminato", decide di confidare ai lettori il proprio disagio...

...dovuto ad alcune pesanti allusioni fatte sul suo conto (e su quello di altre blogger) da parte del blog Moz O'Clock, che probabilmente conoscete almeno di fama.

Incuriosito, decido di capirci qualcosa di più...


Ecco che comincio a capirci qualcosa...

...ed ecco che tutto si spiega - o quasi!

Proprio a luglio, infatti, Moz ha affrontato un argomento esplosivo: i clone-blogger, ovvero la pratica, da parte di alcuni utenti, di utilizzare due o più alias e blog-fotocopia allo scopo di aumentare la propria visibilità e/o per altri fini meno puliti.

La lunga, dettagliata lista di segnali d'allerta stilata da Moz viene però vista come un attacco personale da parte di alcuni blogger - in particolare, un'altra nostra conoscenza, Francesca A. Vanni, non ci sta a vedersi sospettata, sia pure in modo implicito, di agire in modo disonesto: e la sua replica non si lascia attendere.

Sono seguiti dei botta e risposta sempre più infuocati, e ciascuno dei due contendenti ha trovato appoggio da parte di altri blogger, quasi due fazioni, ormai.

Nemmeno la pausa estiva ha calmato le acque, anzi: a settembre, la questione era ancora in alto mare, e le accuse incrociate di cyberbullismo hanno agitato la bookblogsfera (si dirà così?) ancora di più.

Ed eccoci arrivati a pochi giorni fa, con Moz che rincara la dose armato di screenshot, un'altra replica di Francesca, e il conflitto ormai esteso anche ad altri blog - in particolare, a quelli ormai sospettati di essere dei fake

In tutto questo, non è stato difficile capire come il mio post possa essere stato interpretato molto, ma molto male!

Con queste nuove informazioni in mano, mi sono scusato direttamente con le interessate - in particolare con Olivia stessa e con SugarFree di La giostra dei libri - esprimendo anche la mia solidarietà di fronte ad attacchi che in base alla mia modesta interazione con entrambe non considero giustificati.

Scuse accettate, rapporti fra i rispettivi blog riportati alla (cordiale) normalità.

Tutto bene?


Davvero pensavate che finisse tutto qui? Illusi...!

Be'... NO!

Infatti, dall'altra parte, qualcuno sembra non aver gradito i miei commenti... ed ecco Moz prendere di mira, fra gli altri, anche il mio profilo, ZeroZero e quindi I Ritrovati, con tanto di screenshot


E a poco sono serviti i miei tentativi di instaurare un dialogo (il mio giudizio su Moz O'Clock non deve aver aiutato, ammetto):


Peggio ancora: negli stessi giorni, Anna Piediscalzi (autrice e blogger anch'essa coinvolta nella polemica), anch'essa armata di screenshot, ci mette del suo, disseppellendo una vecchia recensione di SugarFree ad un suo scritto, e mettendo in croce I Ritrovati per un commento innocente, fatto, in tempi non sospetti, dal precedente gestore del blog.


Anche qui, i miei sforzi di chiarire le cose sono caduti nel vuoto cosmico (al momento di "andare in stampa", non ho ancora ricevuto risposta).

OK, un beeel respiro profondo.

Anzi no, chissene.


La mia prima, composta reazione

Prima di tutto... COOOSA?!

Ma voi manco mi conoscete, e a quanto ne so non siete fra i lettori del blog: ma come vi permettete di fare chissà quali supposizioni sulla mia buona volontà e imparzialità nei riguardi dell'intera faccenda, tanto più che, come dicevo, le parole "messe all'Indice" da Piediscalzi sono state scritte prima della transizione alla nuova gestione de I Ritrovati?

Cos'è, domani sarò incluso anch'io nella "lista di proscrizione" dei "cloni" di Francesca Vanni - insieme al resto della piccola legione di presunti clone-blogger da voi "identificati"?

Quando ho scoperto tutta questa storia, mi trovavo in posizione perfettamente equidistante fra le due parti in causa; ma visto il vostro comportamento, mi viene da pensare che Francesca, Olivia e SugarFree non abbiano torto a tenervi a distanza.

E seriamente: lo so che in Rete ci sono un sacco di persone disoneste, ma davvero pensate che un singolo blogger abbia il tempo, le energie e pure la voglia di mettere in piedi tre profili (o anche di più... ogni volta ne aggiungete uno) con blog annessi, aggiornarli regolarmente, farli interagire fra di loro e con altri utenti?

E poi, per assurdo: se anche una stessa persona/collettivo volesse utilizzare più profili per scopi differenti?

E se la tutela della privacy avesse motivi fondati e del tutto legittimi? 

Francesca e Olivia, ad esempio, trattano spesso di temi legati al mondo LGBTQ+; e come purtroppo la cronaca ci insegna, il rischio di attacchi virtuali e persino offline non è da sottovalutare.

O ancora: de I Ritrovati, non si occupa solo ZeroZero: il blog e i suoi profili social, infatti, passano di mano in mano fra più di una persona, in base anche agli impegni di ciascuno - e c'è chi collabora con noi in modo salutario, come il blog Opportunity Seekers (che forse qualcuno di voi già conosce).

Siamo dei falsi anche noi, allora?

Che pasticcio, ragazzi!

Ebbasta con queste prove tecniche di cyberbullismo per la miseria: se qualcuno ha qualcosa da dire su di me o su I Ritrovati, può farlo qui, pubblicamente e nella massima tranquillità; qui non mordiamo nessuno.

Posso capire i dubbi, le antipatie, i rapporti che si guastano, eccetera; ma qui la cosa è davvero sfuggita di mano: e la riprova ne è che dei perfetti estranei, ovvero questo blog e chi lo gestisce, sono rimasti vittime del fuoco incrociato senza nemmeno un'avvisaglia del mare di guai in cui si stavano cacciando.

A Francesca, Olivia, SugarFree e agli altri blogger accusati, confermo la mia fiducia e la mia stima: per quel che li conosco, non ho motivo di pensare che siano i perfidi ideatori di un complotto mega-galattico per il controllo della blogosfera

A Moz, Anna e a coloro che stanno dalla loro parte, tendo un metaforico ramoscello d'ulivo: non sono un clone né altro - se avessero evitato di tirarmi in mezzo, le nostre strade sarebbero andate avanti felicemente separate.


Visto? Bandiera bianca, non ho capito perché sono finito in mezzo, ma in ogni caso mi arrendo!


*** AGGIORNAMENTO ***

Sembra che qualcuno abbia deciso di rifiutare la mia offerta di pace:



Rispetto la sua scelta, altro non posso fare...


*** AGGIORNAMENTO #2 ***

Inaspettatamente, ci sono stati sviluppi interessanti...

Commenti

  1. Ciao ZeroZero, possiamo anche darci del tu perché ho 25 anni e non sono ancora incartapecorita!
    Ho letto il commento che hai lasciato sul mio blog sul post che avevo fatto e che coinvolgeva te o meglio l’argomento che avevi trattato e che sembrava ambiguo e un po’ manipolato alla luce di una serie di accadimenti nei quali mio malgrado mi vedono coinvolta solo perché ho preso le difese di una persona che ho conosciuto da pochissimo e solo come blogger (però mi sembrava doveroso difenderla perché certe cose non sono ammissibili. Fra l’altro anche altri blogger di un certo rilievo hanno difeso questa persona e ora sono nella lista nera di Moz).
    Però poi leggendoti ho scoperto la tua buona fede.
    Ho letto questo post e innanzitutto ti do il benvenuto nella lista nera dei clone blogger di Moz perché se ancora non lo sai tutti quelli che non sono d’accordo con lui diventano in automatico clone blogger e cyberbulli!
    C’è un qualcosa di contorto nella mente di quel personaggio perché finché lui e i suoi amici insultano, insinuano, invadono allora va tutto bene e tutto è lecito e concesso, insulti compresi.
    Se però c’è una reazione allora quelle persone che reagiscono sono tutte str***e (e il resto delle belle paroline che avrai letto in giro).

    Perché il signor Moz fa tutto questo?
    Io me lo sono chiesta e sono arrivata a una mia personale conclusione (MIA, MikiMoz, di Elettra R. a cui hai dato della cret**a che detto da te è un complimento e a cui hai detto di stare a cuccia come i cani, e faccio presente che un cane vale miliardi di volte più di te): ho analizzato tutto quello che lui ha scritto ma i punti caldi sono questi:
    1-non essere su fb oppure esserci stati e aver mollato: per Moz il social facebook è il centro del mondo, è il luogo della verità nonché suo incontrastato impero e se non ci sei in automatico sei un fake, un troll o un clone;
    2-gplus: Moz odia gplus e l’ha definito il social più anonimo e falso dove ci sta gente falsa. Mi chiedo perché lui ci stia e ammorbi tutto quanto con la sua presenza;
    3-i ca**i degli altri: eh sì, perché se non si postano foto personali dove tiri fuori la lingua e altre cose, se non si spediscono cartoline a Moz allora sei un fake perché la parola privacy per lui è inconcepibile. Ma se Moz ha scelto di mettere la sua vita on line, non è detto che gli altri vogliano farlo e ce ne sono tantissimi di blogger che difendono la loro privacy;
    4-i libri: leggere e scrivere libri (magari pubblicati in epub) per Moz significa essere fake. Io leggo libri e a volte ne parlo sul blog, seguo gente che parla di libri o li scrive (da oggi seguirò anche te, così Moz avrà la certezza definitiva che siamo clone blogger) e non capisco tutto questo suo accanimento contro la letteratura. Mi sa che il suo problema è che non va oltre i fumetti;
    5-un’altra pecca secondo Moz è ascoltare i cantautori italiani: se lo fai e condividi video sei un clone blogger;
    6-se hai aperto un blog o ne hai assunto la gestione a luglio, per Moz sei un fake perché dopo quello che lui chiama “il suo post denuncia” nessuno al mondo poteva azzardarsi ad aprire o prendere in gestione un blog.

    Ma alla fine cosa vuole Moz?
    Secondo me vuole che tutti i blog che lui cita e inserisce nella lista nera chiudano per dargli più spazio ma per me Moz se ne può andare a fan***o e se vuole può anche farsi lo screenshot del mio commento e gridare all’attentato.
    Basta che specifichi che l’ho scritto io, Elettra la “cyberbulla”, e non trecento altre persone della blogsfera.
    Grazie per lo spazio, mi sono proprio tolta un macigno dalla scarpa.

    P.S. Nessuno dei nominati è un clone blogger o cyberbullo e tutti avremmo voluto tanto non inciampare in Moz e accoliti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elettra, benvenuta.

      Prima di tutto sono molto contento che le cose fra noi si siano chiarite: se avessi avuto anche solo una mezza idea del macello che si stava consumando da mesi, avrei affrontato l'argomento in modo diverso, o avrei posticipato direttamente l'intera discussione a tempi migliori.

      All'inizio ho cercato di ascoltare entrambe le campane, ma davvero non posso accettare questi attacchi a base di screenshot e di indagini alla detective Conan - comportamenti a dir poco irrispettosi sempre e comunque, ma ancora di più quando si prende mezzo chi non c'entra nulla.

      Peggio ancora, come puoi vedere dall'ultimo screenshot (perché purtroppo sì, a questo punto ho dovuto documentare anch'io) i miei tentativi di difesa e/o di spiegazione si sono scontrati con sufficienza e superiorità; un atteggiamento ben diverso da quello assunto da te, Olivia, SugarFree e dalle altre blogger coinvolte, che si sono invece dimostrate subito disposte al dialogo.

      Con questo post non voglio insultare nessuno, né mettere a ferro e fuoco la blogosfera; desidero solo tirare le fila di tutto questo discorso, dare spazio a chiunque voglia aggiungere qualcosa di dire la sua...

      ...e poi andare avanti, si spera!

      Grazie ancora per il tuo intervento!

      Elimina
  2. E quello che speriamo e vogliamo tutti, ma temo che Moz e compagnia andranno avanti.
    Ti aspetto da me se ti va :-)
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Forse hai interpretato male le mie parole di quel gioro: non ho mai sospettato di te. Ti chiedevo solo spiegazioni circa la frase che avevi detto.
    La lista dei miei sospetti (confermata dalle dirette interessate, che pur senza mai essere state citate hanno iniziato a non seguirmi più, a insultarmi, a darsi manforte contro di me -ma lo sai anche tu perché lo hai visto, e io ho inserito gli screenshot) non riguardava in alcun modo te, visto che non ti conosco.
    Non è una caccia alle streghe, una cosa alla detective conan, ma una questione seria di cui si occuperà chi di dovere. Peraltro, la signorina Elettra qui sopra, continua a citarmi sebbene l'abbia diffidata dal farlo, specie se continua come sta facendo a dire calunnie sul mio conto e a mettermi in bocca frasi che non ho mai detto (peraltro lei è arrivata dopo il mio post di luglio, e senza nemmeno conoscermi mi aveva già bloccato e già era nella cricca di chi mi offendeva: lei per prima mi ha deto del coglione).
    Ma non voglio portare casini qui da te, ci si penserà in altri luoghi.
    Da parte mia nessuna sufficienza o superiorità, sei il benvenuto quando vuoi.
    Spero di aver chiarito :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz, anche da parte mia nessuna animosità a priori: spero che ci si possa ritrovare in situazioni meno tese.

      Elimina
    2. Come puoi vedere, queste tizie stanno inficiando anche questo tuo post con calunnie sul mio conto. Per me sono nuove prove, certo, ma ora sparisco di qui perché non voglio metterti in imbarazzo.
      Ti aspetto da me o per occasioni diverse. Come dici tu, meno tese.
      Ciao :)

      Moz-

      Elimina
    3. Grazie per l'invito, spero che tutto si risolva.

      Elimina
    4. Per qualsiasi ulteriore chiarimento in merito, anche soprattutto per evitare qui da te inutili polemiche, puoi scrivermi anche privatamente quando e come vuoi ;)
      Buona giornata,

      Moz-

      Elimina
  4. Parlo per me.
    Io recensisco libri, li segnalo e passo quando ho meno da studiare (ecco perché ora mi sbrigo e me ne vado, devi studiare).
    I libri della Piediscalzi me li ha inviati la Feltrinelli, una delle case con cui collaboro senza fini di lucro, non mi sono piaciuti e l'ho scritto.
    Conosco le signore Francesca e Olivia solo via mail, e solo perché mi è stato chiesto di segnalare i loro lavori (alcuni dei libri poi li ho letti e comprati io, non mi è mai stao chiesto da parte loro di farlo).
    Ho preso le difese di Francesca perché non mi sembra giusto che certi blogger agiscano come tanti bulli di quartiere.
    E ora mi ritrovo trascinata dentro in questa storia di fake e complotti dalla scrittrice Anna Piediscalzi che continua a mentire dicendo che ci conosciamo, che io non esisto e che ho scritto apposta male del libro.
    Cosa farò?
    Niente, io mi sono spiegata e difesa, mi sono mossa in altre direzioni e ora basta.
    Continuo a bloggare e studiare come sempre.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie SugarFree.

      Penso che per la maggior parte di noi il blogging sia un modo simpatico e divertente per comunicare le proprie passioni e fare conoscenze fra chi le condivide.

      Spero davvero di non dover più ritornare su questa faccenda, né di finire in future polemiche.

      Buono studio, e alla prossima!

      Elimina
  5. Le frasi che tu dici di non aver detto sono tutte sui tuoi post, dovresti rileggerti e tanto per chiarirci definitivamente signorino Moz, io neanche ti conoscevo e avrei tanto voluto continuare a ignorare la tua esistenza e quella della tua amica, (quella screenshot) voi mi hai trascinata in questa crociata di caccia alle streghe solo perché ho avuto il coraggio di prendere le difese di una persona che avete attaccato in branco e calunniato, e certo che ti ho bloccato, nessuna persona sana di mente vorrebbe avere a che fare con te.
    A mai più incontrarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi conosci e mi dai del coglione? Wao, sei una veggente allora, chissà se ci hai preso.
      Ripeto, è tutto nero su bianco, meglio per te se non ci incontriamo più.
      E non osare più né parlare di me, né mettermi in bocca cose che non ho mai detto.
      Ora non rivolgermi più la parola.

      Moz-

      Elimina
    2. Purtroppo questa storia ha ferito davvero troppe persone, e a volte l'unica cosa da fare è concordare sul proprio disaccordo e andare oltre.

      Elimina
  6. Non ho detto che eri un superbullo ma avevo qualche vago dubbio nella confusione delle liti generali.
    Se ho fatto quel post e ho avuto quella reazione è Perché sono rimasta ferita a prescindere dal libro se è brutto o bello.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questa faccenda siamo rimasti tutti più o meno feriti: tanto più che, commento del blog alla recensione a parte, noi non avevamo idea di tutto questo disastro.

      Mi scuso a nome del blog per le parole poco pensate, e spero che possiamo tutti lasciarci alle spalle queste tristi vicende.

      Elimina
  7. Preciso che se devo essere attaccata come hanno appena fatto non risponderò ai commenti.
    Cordiali saluti e nell'eventuale offesa porgo le mie scuse A Te.

    RispondiElimina
  8. Ma non eri tu che volevi porre fine a tutto?
    Cito parole tue: "E con questo post, spero davvero di chiuderla qui - se avete dei commenti, delle riflessioni, degli altri punti di vista o anche voi siete stati trascinati per i capelli in questa storia e volete togliervi qualche sassolino dalla scarpa, se ne parli ora o si taccia per sempre: per il resto, torniamo ai libri"
    Ma a quanto pare la parola fine è solo un eufemismo dal momento che continui a linkare la pagina dove in teoria serviva a chiarirsi.
    Sai che ti dico, che i dubbi sulla tua buona fede mi sono ritornati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con "continui a linkare" suppongo che tu ti riferisca al link messo al mio ultimo post: in realtà, spesso collego un pezzo a quello precedente, in modo che i lettori possano andarsi a vedere le varie "puntate" senza che io debba ricapitolare tutto nei commenti.

      Mi rammarico che la cosa ti abbia urtata, non era mia intenzione infastidire nessuno.

      Quanto al resto, confermo ciò che ho scritto in chiusura a questo post: non ho intenzione di tornare sull'argomento (nonostante alcuni sviluppi che mi hanno messo parecchi dubbi - quindi come vedi non sei l'unica ad averne), a meno che qualcuno non mi costringa a farlo.

      Detto ciò, ti auguro una buona giornata.

      Elimina
  9. ZeroZero alias Amalia, quando la finirai con le tue cazzate e dirai che sei alle dirette dipendenze del Moz sarà meglio per tutti e farai finalmente una figura decente.
    Paolo.

    RispondiElimina

Posta un commento